lunedì 17 settembre 2012

I codici QR per gli smartphone potrebbero ostacolare la contraffazione

I codici Quick Response, ovvero i QR-CODE, quei riquadrini monocromatici che se scansionati mediante uno smartphone conducono a siti web e contenuti specifici, non sono mai diventati un vero e proprio fenomeno di massa. Negli smartphone di ultima generazione, i dispositivi di riconoscimento Near Field hanno assestato un altro bel colpo ai codicini quadrati. Tuttavia essi resistono e sopravvivono: anzi, secondo uno studio Usa, potrebbero aver trovato la loro ragion d'essere. Infatti, l'Università del South Dakota ha messo a punto un nuovo genere di QR-code, invisibili, pronti da applicare, una volta in produzione, a un numero infinito di prodotti. Carta, tessuti, plastica, vetro, pietra, sono tutti ricettori ideali per la nuova generazione di Quick Response. Ma oltre agli usi noti, i nuovi codici potrebbero fungere come una filigrana elettronica, attraverso una funzione di autenticazione oltre che di recupero dati. L'occhio umano non riesce ad individuarli, mentre alla luce infrarossa diventano visibili. E potrebbero essere un metodo di identificazione per distinguere le banconote false dalle vere, documenti e vestiti contraffatti. Sarà necessario puntare lo smartphone (con visione infrarossa) ed esso riconoscerà in modo istantaneo cosa l'utente si trova di fronte. Forse non aiuteranno a demolire il mercato illegale di falsi, ma il QR-Code sicuramente acquisirà una nuova utilità. E, soprattutto, grazie agli smartphone, saranno pochi quelli di cui ne ignoreranno l'esistenza o che non ne potranno più fare a meno. Il procedimento è noto come “upconversion”, generato dal fatto che le nanoparticelle assorbono fotoni ad una certa lunghezza d’onda, e li riemettono ad una lunghezza d’onda non visibile ad una luce normale. Stando a quanto spiegato dal responsabile del progetto Jeevan Meruga, l’individuazione del QR Code può essere resa ancor più difficile utilizzando inchiostri con percentuali più elevate di nano particelle. Quel che è certo, è che una volta evidenziato dal passaggio del laser, il QR Code invisibile può essere letto direttamente da un semplice smartphone. I codici Quick Response (QR) sono spesso utilizzati nel settore della pubblicità per consentire ai clienti di accedere a informazioni sul prodotto. La versione invisibile può essere stampata su carta, vetro o altri materiali ed è invisibile ad occhio nudo, diventando visibile ai raggi infrarossi. La complessità del codice fa si che sia difficile da contraffare, secondo quanto detto dai ricercatori. Merci false e banconote contraffatte costano ogni anno milioni di dollari ai governi e alle industrie. Meruga dichiara: ''Possiamo anche cambiare i nostri parametri per rendere ancora più difficile la contraffazione, come ad esempio il controllo dell’intensità della conversione della luce o utilizzando inchiostri con una percentuale di nanoparticelle maggiore''. I QR code possono contenere sino a cento volte più informazioni rispetto ai codici a barre tradizionali e sono ampiamente utilizzati nel settore della pubblicità, per offrire ai clienti maggiori informazioni su un determinato prodotto. Solitamente, esso è composto da un quadrato di pixel bianchi e neri; i codici possono essere acquisiti con uno smartphone che collega gli utenti a un sito Internet. L'Università del South Dakota sottolinea anche che questi nuovi codici sono, a differenza dei precedenti QR-Code classici, abbastanza difficili da duplicare, per via della complessità dell'elaborazione. Sono infatti realizzati adoperando nanoparticelle combinate con inchiostri fluorescenti blu e verdi, e stampati sulle superfici da trattare con una stampante ad aerosol. Un procedimento che ha la durata di quasi un'ora e mezza ma che a regime industriale, affermano i ricercatori, potrebbe non impiegare più di un quarto d'ora. Soprattutto, la tecnologia è scalabile verso l'alto, e modificare i codici inserendo più informazioni o dati non leggibili da strumenti comuni sarà impresa semplice, in modo da fornire un elemento di utilizzo anche per usi legali. Probabilmente non stiamo parlando della fine della contraffazione, però finalmente i QR-Code avrebbero un grande riscatto sul mercato.

3 commenti:

  1. interessantissimo il tuo blog,mi sono subito unita cosi non ti perdo di vista! se ti va di ricambiare ti aspetto qui:http://ledeliziedivanna.blogspot.it/ grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, ricambio subito, mi aggrego :)

      Elimina
  2. I QR Code o Codici QR sono sempre più utilzzati.L'applicazione nel settore dell'anticontraffazione è uno degli impieghi più innovativi. In Italia i codici bidimensionali si stannop sempre più diffondendo.
    Anche le pubbliche Amministrazioni si sono sensibilizzate ed hanno compreso le potenzialita di questa innovativa tecnologia.I ns. Comuni che impiegano i Qr code nel Turismo, nella Cultura, nell' Arte aumentano sempre di più.
    Desidero segnalare la pagina web: QR CODE ITALY dove è possibile reperire i link per i siti in cui è possibile realizzare il proprio Codice personalizzato e gli applicativi per decodificarlo, Tutti gratuiti e semplicissimi.
    QR Code non sono solo quadratini bianchi e neri.
    QR CODE ITALY http://qrcodeitaly.blogspot.it/,
    TWITTER https://twitter.com/QRCODE_ITALY
    SCOOP.IT http://www.scoop.it/t/qrcode-italy
    SCOOP.IT http://www.scoop.it/t/qrcodeitaly
    PINTEREST http://pinterest.com/qrcodeitaly/qr-code-code-qr-app-qr/

    RispondiElimina